COSTRUZIONI IN CLASSE ENERGETICA A

I costi sempre maggiori dell’energia, l’erosione grave delle risorse del nostro pianeta, l’inquinamento ambientale sono motivi più che sufficienti per interessarsi con serietà alla classe energetica della propria casa.

Spesso, però, le persone, pur attente ad altre forme di risparmio energetico e di rispetto ambientale, sottovalutano l’importanza della classe energetica della propria abitazione. Magari sono attente ad acquistare solo elettrodomestici in classe energetica alta ma ignorano che i maggiori sprechi e le maggiori spese possono essere determinate dall’abitazione stessa.

Dunque è importante conoscere e capire la tabella delle classi energetiche delle abitazioni.


La Classe Energetica della Propria Abitazione

La classe energetica si calcola in base a quanto combustibile si consuma all’anno per ogni metro quadro di superficie riscaldata.

Più la classe è elevata (ad es. classe A vs classe G) e meno energia è necessaria per riscaldare un metro quadro di abitazione.

Una casa in Classe F consuma, per metro quadro, 5 volte più di una casa in Classe A, ma purtroppo ancora oggi in Italia il 90% delle abitazioni appartiene ad una classe energetica bassa, (dalla E alla G); questo nonostante non ci sia alcun vantaggio nel mantenere una casa in una classe energetica bassa: una tal casa è generalmente meno confortevole (causa umidità, spifferi, correnti d’aria, insufficiente riscaldamento o refrigerazione), la spesa per riscaldarla e refrigerarla è elevata, il suo valore di mercato è inferiore a quello di un’identica casa di classe energetica alta e l’inquinamento che produce è rilevante, a tutto danno dei nostri figli e nipoti!

Per fare un esempio concreto, in un anno, una vecchia abitazione in Classe Energetica G può consumare fino a 15 litri di combustibile, ossia, in denaro, circa 25 € di combustibile al metro quadro, mentre un’abitazione in Classe A ne consuma tra 1 e 3 ossia circa 3 € al metro quadro!

Dunque un’abitazione di 100 metri quadri in classe G necessiterà di ben 2500 € di spese in combustibile, mentre ad una in Classe A basteranno 300 €.

Solo in termini monetari, il vantaggio economico è evidente: in poco tempo le spese per acquistare una casa in classe A o per aumentare l’efficienza energetica di un vecchio edificio saranno ripagate e superate dal risparmio in bolletta.

Tutto ciò senza contare il maggior benessere di una casa priva di sbalzi di temperatura, spifferi, umidità, condense nonché il grande risparmio di risorse naturali del pianeta, a tutto beneficio nostro e dei nostri figli.

Dunque investire in un’abitazione di classe energetica elevata non è né un vezzo da super-ecologisti, né un azzardo da rampanti: è un favore che facciamo alle nostre tasche ed al pianeta.

Condividi su: